La mia foto

Flickr

  • www.flickr.com

Ecosystem

  • Me
    LogoGigi







Creative Commons

« Il mezzo è il messaggio | Principale | Pierino vince il lupo »

04/09/2008

Commenti

Milena

Desidero incoraggiare tutti quelli che hanno una passione che li porta a migliorare il mondo e di cui hanno consapevolezza a continuare a coltivarla, esercitarla e trasmetterla. Non è solo una questione di soldi, è una questione di vita. Concordo che gli artisti non vadano mortificati, anzi, sono i veri artisti che mortificano alla fine chi non diventa un po' più filantropo dopo aver goduto di quello che ci regalano.

Mimmo

Purtroppo è così! In una città come Milano, per fare un esempio, se si parla di musica tutti pensano solo alla Scala. Ma non c'è solo la Scala che fa musica a Milano, per fortuna! Però un'azienda, soprattutto se nell'orbita del pubblico, se pensa di dare dei soldi per la musica a chi li dà? Alla Scala. Fa figo dire che sponsorizzi la Scala mentre se scrivi che sponsorizzi la Società del Quartetto o la Verdi sei sempre costretto a dire chi sono. Ora la Verdi ha avuto una sponsorizzazione pubblica, addirittura il presidente della Repubblica Napolitano che l'ha invitata a fare il concerto per il Papa nel terzo anno di pontificato il prossimo 24 aprile in sala Nervi. Speriamo che sia un'occasione per avere un po' di visibilità! Io, in quanto socio dell'orchestra, ci andrò e mi tiro dietro la famiglia. Sono anche contento perchè l'anno scorso stavano per chiudere ma grazie anche alla cocciutaggine e alla testa dura di gente come noi soci che abbiamo tutti rinnovato la nostra quota associativa, abbiamo dato coraggio a questi ragazzi (mi pare che l'età media si di 28 anni) e abbiamo voluto che l'attività andasse avanti. Ora poi, forse, arrivano anche dei soldi da Rutelli per cui speriamo che si cominci a vedere la luce in fondo al tunnel. Comunque è dura ed è ancora più dura se si considera che i già pochi soldi che il comune destina alla cultura spesso vengono spesi in direzioni piuttosto discutibili, tipo il festival MITO per il quale l'anno scorso il comune ha devoluto 3 milioni di euro per 3 settimane di festival e zero euro alla Verdi che lavora quasi tutti i giorni dell'anno per garantire un servizio alla città e non solo.

I commenti per questa nota sono chiusi.